Premio Mediterraneo di Poesia

Arte e cultura

La Fondazione Cassamarca, con il patrocinio dell’Istituto Orientale di Napoli, ha organizzato, sotto l’egida della Commissione Europea per i rapporti con gli Stati Mediterranei e dell’Unesco, il Premio Mediterraneo di Poesia, da assegnarsi per il complesso dell’opera e della carriera a un poeta di uno dei paesi del bacino del Mediterraneo che abbia testimoniato nel suo lavoro il riferimento vitale a quella “mediterraneità” che accomuna, al di là delle differenze di lingua e di religione, tutti i popoli mediterranei.

 

Il Premio Mediterraneo di Poesia si è svolto sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica Italiana e della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

 

La giuria del Premio è composta da poeti e critici di riconosciuto valore: Tahar Bekri (Tunisia), Joumana Haddad (Libano), Khaled Hegazzi (Egitto), Chistos G. Lazos (Grecia), Brane Mozetic (Slovenia), Sibila Petlevski (Croazia), Paolo Ruffilli (Italia), Amadou Lamíne Sall (Marocco), Jordi Virallonga (Spagna), sotto la direzione dell’on. Dino De Poli in qualità di Presidente della Fondazione Cassamarca, sponsor ufficiale del Premio.

 

Al premio non si partecipa per invio di opere o presentazione di referenze curriculari. È la giuria che individua i candidati su segnalazione dei membri del comitato scientifico e procede alla scelta del vincitore dentro la rosa delle candidature proposte.

 

Il Premio è esteso a tutti gli stati che si affacciano sulle coste del Mediterraneo: Albania, Algeria, Cipro,Croazia, Egitto, Francia, Giordania, Grecia, Israele, Italia, Libano, Libia,Malta, Marocco, Siria, Slovenia, Spagna, Territori palestinesi, Tunisia e Turchia.

 

Il Comitato scientifico è composto da: Malik Abrah (Letteratura araba, I.U.O. di Napoli), Andrea Borruso (Letteratura araba, Università di Palermo), Martha L.Canfield (Letteratura spagnola, Università di Firenze), Giuseppina Igonetti (Letteratura magrebina, I.U.O. di Napoli), Mladen Machiedo (Letteratura croata,Università di Zagabria), Predrag Matvejievic (Letteratura slava, Università di Roma), Iztok Osojnik (Letteratura slovena, Università di Lubiana), Bartolomeo Pirone (Letteratura araba, I.U.O. di Napoli), Tino Sangiglio (Letteratura neogreca,Istituto italo-greco), Manuel Simões (Letteratura portoghese, Università di Venezia), Gabriella Steindler Moscati (Letteratura ebraica, I.U.O. di Napoli)

 

La Giuria del premio è formata da: Tahar Bekri (Tunisia), Joumana Haddad (Libano), Khaled Hegazzi (Egitto), Chistos G. Lazos (Grecia), Brane Mozetic (Slovenia), Sibila Petlevski (Croazia), Paolo Ruffilli (Italia), Amadou Lamíne Sall (Marocco), Jordi Virallonga (Spagna).

 

Il Premio Mediterraneo di Poesia, voluto dalla Fondazione Cassamarca di Treviso, nasce con l’intenzione di promuovere un autentico dialogo, rispettando tutte le culture mediterranee, con le loro similitudini e le loro differenze, privilegiando la poesia che, come mezzo di espressione al massimo grado personale, è da sempre la forma di cultura che più di altre sa farsi manifestazione contemporaneamente dell’identità sopranazionale oltre che di quella nazionale, regionale e perfino locale. In tale prospettiva, il Premio, attraverso la reciproca conoscenza delle espressioni letterarie dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo, intende contribuire alla realizzazione di una convivenza costruttiva in quest’area sempre più contraddistinta da regioni multietniche o plurinazionali in cui si incrociano e si mescolano varie culture e diverse religioni.

 

La prima edizione del Premio è stata vinta da Fuad Rifka (Siria-Libano).