Teatro “Lorenzo Da Ponte”

Descrizione

L’intervento della Fondazione Cassamarca per il Teatro Da Ponte (ex Rossini) ha riguardato, oltre al recupero della struttura teatrale, anche quello dell’attigua Piazza Minucci e della prospiciente Loggia dei Grani.

 

Il restauro del teatro ha interessato le parti originali del Segusini e la realizzazione di nuove strutture sceniche e di servizio, comprendenti una seconda sala di dimensioni contenute per vari tipi di manifestazioni.

 

La Loggia è stata  recuperata per funzioni correlate alle attività del teatro; l’antistante piazza ha in parte una destinazione pedonale, mentre la zona prospiciente Palazzo Minucci  è carrabile. Storicamente, lunghe e travagliate risultano le vicende della costruzione del teatro Rossini di Serravalle. Fin dal 1830 circa si parlò dell’iniziativa di un gruppo di notabili vittoriesi che, mossi da profonda passione per la musica, decisero di costituire una società per la realizzazione di un teatro cittadino. Il progetto, concepito dall’architetto feltrino Giuseppe Segusini, prevedeva che il teatro sorgesse sul giardino di Palazzo Minucci di proprietà della famiglia Gera. Un successivo ripensamento della committenza ridimensionò la configurazione dell’edificio il quale venne affiancato dalla realizzazione  del Fondaco delle Biade o Loggia dei Grani.
Nel 1843 iniziarono i lavori di costruzione ma solo nel 1879, dopo varie vicissitudini che ritardarono la regolare programmazione, ci fu l’inaugurazione ufficiale con l’opera lirica Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi.
Il Teatro Sociale, che nel 1938 passò nelle mani del Comune e mutò il suo nome in Teatro Rossini, vide il suo massimo splendore negli ultimi decenni dell’Ottocento e all’inizio del Novecento.
A mettere fine alla sua gloriosa attività fu il primo conflitto mondiale e la successiva crisi economica.
Nemmeno l’intervento di trasformazione della loggia superiore in loggione, avvenuta nel 1925, in coincidenza con l’ultima rappresentazione lirica Madama Butterfly, servì a rilanciare il teatro. Dopo un trentennio di anonima attività, il teatro venne venduto ad un privato, che nel 1955 che lo trasformò in Cinema Teatro Rossini. Costituito da una pianta a ferro di cavallo, il teatro ha una capacità di circa 650 posti, di cui 300 in platea, 150 in galleria e 200 nel loggione.

 

Da alcuni anni il Teatro è affidato al Comune di Vittorio Veneto.

Dettagli

Proprietà
APPIANI 1 S.r.l.
Stato immobile

In concessione a titolo gratuito al Comune di Vittorio Veneto.

Consistenza
Piano
Destinazione
Dati metrici
Teatro
2.425,00 mq
totale
2.425,00 mq

ATTIVITÀ E PROGETTI

Contenuti in evidenza

+
I VENERDI’ DELLA CULTURA
Classico e Universo. Due grandi temi per i venerdì della cultura della Fondazione Cassamarca.     Casa dei Carraresi – Sala Convegni, ore 18.00   Riprende il 31 gennaio 2020 il ciclo di conferenze della Fondazione Cassamarca dedicato a due grandi temi “Classico” e “Universo”, che saranno affrontati, nelle loro molteplici declinazioni, da personalità della cultura […]
29 Gennaio 2020
+
Il paradiso del talento
È stato presentato alla stampa il nuovo progetto della Fondazione Cassamarca denominato "Il Paradiso del Talento", laboratorio internazionale dell'opera italiana.
26 Novembre 2019
+
Progetto Alternanza Scuola-Lavoro
Con la Legge 13 luglio 2015, n.107 è stata inserita l’Alternanza Scuola-Lavoro nei piani triennali dell’offerta formativa (PTOF).
10 Gennaio 2018

IMMOBILI

Altri immobili

+
Palazzo dell’Umanesimo Latino
Vicolo Bortolan, Treviso
+
Ex convento San Francesco
Via Edmondo de Amicis, Conegliano
+
Teatro delle Voci
Via Tre Venezie, Treviso

INFORMAZIONI

Immobili, auditorium, teatri, spazi espositivi, sale riunioni: il patrimonio immobiliare della Fondazione Cassamarca è da sempre al servizio della collettività.