mercoledì, 13 Novembre 2019

Premio Bortolan 2019 – Premiazione

COMUNICATO STAMPA

 

Valorizzare un fondo artistico di oltre 3000 opere: ecco come nasce il progetto tra Lions Club Treviso Sile,
Liceo Artistico Statale di Treviso e Fondazione Cassamarca.

Dalla collaborazione tra Lions Club Treviso Sile, Liceo Artistico Statale di Treviso e Fondazione Cassamarca è nato un progetto che ha permesso, per il secondo anno consecutivo, di presentare alla città una selezione di opere che appartengono alla prestigiosa raccolta che Mons. Bortolan ha donato, nel 2008 alla Fondazione Cassamarca.

 

La rassegna di quest’anno è stata dedicata al tema “La montagna, immagini di echi lontani” e ha avuto oltre 3000 visitatori, che hanno testimoniato unanime apprezzamento per l’iniziativa lasciando commenti e dediche.

 

La mostra, nelle sue diverse fasi di progettazione e realizzazione, ha coinvolto circa sessanta studenti del Liceo Artistico Statale di Treviso, orientati da quattro docenti, che si sono occupati dell’intero ciclo di realizzazione dell’esposizione: la scelta delle opere, le schede, le foto, l’allestimento.

“Donazione Artistica Monsignor Gino Bortolan”

Monsignor Gino Bortolan è stato un personaggio molto noto a Venezia perché, tra i tanti incarichi, è stato direttore del Museo d’arte Sacra; Rettore di Santa Maria del Giglio, punto di riferimento di gran parte degli artisti che hanno vissuto e frequentato Venezia negli ultimi settant’anni.
La sua missione sacerdotale, interpretata come uno strare tra la gente, lo ha reso familiare a molti strati della popolazione, dai suoi parrocchiani a: albergatori, commessi, negozianti, avvocati, gondolieri, commercialisti, giornalisti, etc.
Con un atto di grande nobiltà e generosità d’animo Mons. Gino Bortolan, che vantava origini trevigiane, nel 2008 ha donato alla Fondazione Cassamarca il patrimonio di libri e opere d’arte che aveva costituito nel corso di decenni.
Sulla genesi del suo patrimonio di opere d’arte, egli amava ricordare che si era venuto configurando lentamente nel tempo, e quasi esclusivamente attraverso atti di donazione di singoli artisti, che aveva conosciuto nei diversi e alterni momenti della loro vita sia personale che artistica.
Sotto questo profilo la “Donazione Artistica Mons. Gino Bortolan” non costituisce perciò l’equivalente di una classica collezione privata, che in genere presuppone un progetto e una disponibilità finanziaria finalizzata alla sua realizzazione, quanto una testimonianza delle molteplici correnti artistiche che hanno attraversato, dagli anni Quaranta del secolo scorso fino a oggi, la città di Venezia a diversi livelli (Biennale, Accademia, musei, mostre private, etc.).
Nello specifico, la donazione è formata da oltre 3.000 opere d’arte costituite da tele, disegni, tempere, acquarelli, incisioni, litografie, etc. nelle quali è rappresentato (anche in graffito e in astratto) un universo di soggetti quali: Venezia, la figura umana, la natura, il paesaggio, il lavoro, la montagna, il mare etc.
Gli autori presenti nella collezione sono oltre 900, moltissimi dei quali Mons. Bortolan aveva conosciuto personalmente, quali: Vedova, Fontana, Santomaso, Guttuso, Seibezzi, Cherubini, Guidi, Selvatico, Gambino, Novati, Plessi, Gaspari, Boscolo Natta, Sironi, etc.
Oltre alle opere la donazione comprende anche circa 3000 volumi d’arte, strettamente correlati alla collezione e agli artisti presenti. E’ appena il caso di accennare alla stretta correlazione che sussiste tra le due parti della donazione e al grande potenziale di valore documentale e culturale che si rende disponibile all’attività di studio e ricerca sull’arte veneziana e veneta del secolo scorso.
Da questa consapevolezza nasce la decisione della Fondazione Cassamarca di acquisire e valorizzare questi materiali.
Alla fase di acquisizione delle monografie e delle opere d’arte è seguita prima di tutto la loro catalogazione e classificazione, che ha permesso, dopo due anni di lavoro, la messa in rete di un catalogo che può essere consultato da studiosi, ricercatori e studenti direttamente dal sito della Fondazione stessa (www.fondazionecassamarca.it).

 

Inoltre sono favorite tutte le forme di pubblicizzazione, circolazione e visibilità delle opere, nonché la loro consultazione per lo studio e la ricerca.
Su questa linea si inserisce la collaborazione con i Lions Club Treviso e il Liceo artistico cittadino che ha permesso di realizzare queste due prime interessanti rassegne, molto apprezzate in città.
Altre iniziative di valorizzazione dell’importante Fondo sono attualmente in cantiere per permettere la conoscenza di un patrimonio di opere unico.

Montagne, immagini di echi lontani

 

Dopo la prima mostra, nel 2018, intitolata Una collezione d’arte tutta da scoprire: il Fondo monsignor Gino Bortolan, quest’anno è stata presentata una selezione di opere dedicate al tema: Montagne, immagini di echi lontani
Per progettare e realizzare la mostra 2019, circa una sessantina tra docenti e studenti di tre classi del Liceo Artistico di Treviso hanno lavorato per un arco di tempo di circa sei mesi, selezionando le 43 opere esposte.
Si tratta di opere di pittura e di grafica, realizzate dalla fine dell’Ottocento alla seconda metà del Novecento. Sono presenti nomi di artisti assai noti, tra i quali: Guglielmo Ciardi, Teodoro Wolf Ferrari, Juti Ravenna, Mario Abis, Antonio Corpora, Ernesto Treccani, Armando Pizzinato, Domenico Cantatore, Francesco Piazza, Carlo De Roberto.
Il progetto di allestimento è stato realizzato dagli stessi studenti, che hanno anche ideato locandine, pieghevoli, e catalogo della mostra che riporta, per ogni opera esposta, interessanti contributi conoscitivi e un apparato fotografico esaustivo.
Il Lions Club Treviso Sile, con la costante attività di raccordo e di coordinamento tra Fondazione e Liceo, anche in questo service rivolto agli studenti ha assicurato l’impegno finanziario coerente con il perseguimento della propria missione rivolta a realizzare opportunità di “crescita e sviluppo culturale dei giovani”.
Al termine della rassegna, al Liceo Artistico, nelle mani della preside prof. Sandra Messina, è stato consegnato un assegno da destinare alle attività della scuola.
Lions Club Treviso Sile, Fondazione Cassamarca e Liceo Artistico Statale di Treviso ritengono che l’esperienza maturata in questi mesi, attraverso incontri, colloqui, proposte e realizzazioni congiunte, confermi la validità dell’iniziativa già avviata lo scorso anno e costituisca una positiva premessa per future collaborazioni di promozioni artistico-culturali a favore dei giovani, nonché per la valorizzazione del Fondo Monsignor Gino Bortolan.